chiudi
contattaci
Transparency International –

EU integrity watch

“Da dove arrivano tutti i soldi, dove vanno a finire tutti i soldi”, dice una famosa canzone del musicista Cody Chessnutt. In effetti questo è una questione importante, anche al Parlamento Europeo.
Abbiamo fatto una campagna con Transparency International per aiutarli a dichiarare che la conoscenza è potere e la trasparenza è il terreno migliore per sviluppare una buona politica.

image of the website

Obiettivo

L’EU Integrity Watch mira a ricostruire la fiducia nelle istituzioni europee diventando il principale portale web per monitorare l’integrità e la trasparenza di tali istituzioni. Consentirà ai cittadini, ai giornalisti e alle organizzazioni civiche di controllare i propri rappresentanti e di responsabilizzarli sulle proprie azioni e decisioni.

image of the website

Interfaccia

Abbiamo contribuito a costruire un potente strumento con un’interfaccia user-friendly che fornisce una panoramica completa delle attività esterne e dei redditi dei membri del Parlamento Europeo appena eletto e una data visualization per navigare facilmente nel database, contribuendo ad aumentare la trasparenza, l’uguaglianza e l’integrità del processo decisionale dell’UE e a monitorare le istituzioni europee per potenziali ed effettivi conflitti d’interesse, influenza indebita e corruzione.

image of the website

Sezioni

Il sito web comprende tre sezioni:
– una per monitorare le riunioni di lobbisti e eurodeputati, nella quale tutti i dati vengono raccolti e visualizzati in grafici e schemi per far comprendere facilmente tutti i punti di contatto e le ricorrenze
– una per monitorare i comportamenti dei lobbisti, come spese, categorie, accreditamenti
– una per monitorare che tutti i redditi esterni ricevuti dai deputati al Parlamento Europeo siano leciti e che non si verifichino conflitti di interesse.

image of the website

Risultati

Il sito ha ricevuto un’attenzione immediata da tutta Europa ed è stato ampiamente menzionato dalla stampa internazionale: BBC, The Economist, WSJ, Spiegel, Le Monde, El Pais, Corriere della Sera, Huffington Post, Le Soir, Euronews, la televisione pubblica tedesca ARD , Radio France Internationale e molti altri.